Distretti industriali della provincia di Arezzo

Alfred Marshall, nella seconda metà del 1800, utilizzando per la prima volta l’espressione “industrial districts”, precisò che con tale espressione si intendeva far riferimento ad una entità socioeconomica costituita da un insieme di imprese facenti generalmente parte di uno stesso settore produttivo, localizzate in un’area circoscritta, tra le quali vi è collaborazione, ma anche concorrenza.

Con l’espressione distretto industriale si suole, quindi, indicare una conglomerazione di imprese, ossia un'area contraddistinta da un’elevata concentrazione di imprese industriali, prevalentemente di piccola e media dimensione e dall’elevata specializzazione produttiva.

I "sistemi produttivi locali" differiscono dai distretti industriali per la mancanza di una specializzazione dominante.

Il Distretto orafo и quello dominante nella Provincia di Arezzo ed interessa soprattutto il comune di Arezzo, i suoi comuni limitrofi e quelli della Valdichiana.

Il Distretto pelli, cuoio e calzature della Provincia di Arezzo interessa soprattutto i comuni del Valdarno.

Il Distretto tessile e abbigliamento della Provincia di Arezzo interessa soprattutto i comuni del Casentino e della Valtiberina.